chi sono Alessio Brandolini
 
che cosa ho scritto

La rovina che nomino
di Andrea Cote
Edizioni Fili d'Aquilone
Roma, 2024

a cura di
Alessio Brandolini


 

In La rovina che nomino c'Ŕ il desiderio di capire ed esplorare perchÚ non c'Ŕ ribellione senza luce, senza saggezza e questo a costo di allearsi con il dolore e la solitudine, di restarsene per giorni ad ascoltare il rumore di ci˛ che Ŕ disabitato. Credere nel "canto del deserto" significa tendere i propri sensi al mormorio delle cose inanimante, entrare in un territorio dove regna il dio dell'assenza. Si resta in attesa per dialogare di ci˛ che Ŕ andato perduto per sempre, nella terra desolata dove tutto scricchiola e ogni paesaggio Ŕ anche un presagio. La rovina che nomino Ŕ un libro intenso e compatto che sottrae con pazienza strati di lava, pietre, acqua e terra per arrivare in profonditÓ, alle radici e Andrea Cote lo fa con bravura e un linguaggio poetico suadente e moderno, grumoso e affilato: "Il primo inverno Ŕ stato un crollo / una terra disegnata con un pezzo di carbone".

Dall'introduzione di
ALESSIO BRANDOLINI


ANDREA COTE (Colombia, 1981) vive negli Stati Uniti dove insegna all'UniversitÓ di El Paso e traduce dall'inglese. Ha pubblicato i libri di poesia: Puerto calcinado (2003), La ruina que nombro (2015), En las praderas del fin del mundo (2019) e l'antologia Cada paisaje es un presagio (2019). Suoi testi sono stati inseriti in antologie e tradotti in diverse lingue. Ha pubblicato i libri in prosa: Una fotˇgrafa al desnudo: biografia de Tina Modotti (2005), Blanca Varela o la escritura de la soledad (2004) e Chinatown a toda hora (2017).

 


Leggi le prime pagine (file PDF)

Per acquistare La rovina che nomino, vedi la pagina dell'editore.



home page

alexbrando@libero.it